Critica
Cinzia Coronese
webmaster
Rita Camilla Mandoli
LA RISCOPERTA DELLE VIRTU' Toscana Oggi 23 settembre 2012 A Lucca mostra di opere della pittrice Cinzia Coronese Il soggetto della mostra di Cinzia Coronese che è stata inaugurata nel pomeriggio di sabato 15 settembre a Villa Bottini,Lucca, suscita davvero interesse e curiosità. A noi che eravamo presenti,l'artista ha ribadito quanto si poteva leggere nel suo pieghevole illusrativo."Mi sono chiesta perchè non proporre in una società quasi del tutto priva di valori morali le Sette Virtù? Sono aspetti essenziali per una vita dedicata al bene,dove fungono da pilastri l'eccellenza morale,la spiritualità e la sensibilità". Così nelle stanze della splendida Villa Bottini che fu dei Buonvisi, abbiamo passato in rassegna i quadri: sette tele dedicate alle Virtù,rispettivamente quattro a quelle Cardinali e tre a quelle Teologali.La Prudenza ad esempio,da cui derivano i precetti;la Giustizia che regola i rapporti tra gli uguali, o la Speranza che ci facilita il raggiungimento di quel fine divino che trascende le forze naturali. La pittrice lucchese ha cercato di trasfondere nei suoi quadri idee e concetti non facili,avvalendosi di figure femminili e di simboli che rimandavano a testi biblici,filtrati attraverso una soggettiva interpretazione. Le sette tele propongono immagini che focalizzano l'interesse sul volto,badando allo sguardo,non rivolto direttamente all'osservatore,ma verso una probabile altra presenza,come se l'opera rimandasse ad un invisibile dialogo..... Data: 2012
Franca Lombardi Del Roso
"Una Pittrice che non sopraffà il mondo delle cose nelle sue rappresentazioni , né se ne lascia sopraffare. Il loro incontro, un dialogo.Una Tavolozza, la sua, fatta di impasti vigili e ricercati - accordi di colori , d'aria, di luce, di penombre, di pennellate accurate l'una per l'altra - richiami musicali in un rapporto di compenetrazione reciproca finalizzata ad una personale evocazione.Questa pittrice ha un congeniale rapporto con la sapienza antica che le permette, nella costruzione della composizione, una finezza di visione nella quale la sostanza vitale delle cose si scioglie in una soffusa, sommessa solarità d'insieme.Anche le zone di contrasto - luce e ombra - si risolvono nella equilibrata armonia di convivenze tra i piani di lontananza e di vicinanza , nella quale armonia si concentra e si distende sia il vigore che la quiete.In questo contesto fa da grande protagonista il primo piano che immette subito, e magiatralmente, l'osservatore nell'atmosfera della rappresentazione coinvolgendo emotivamente tra la conoscenza e l'essenza delle cose." Data: 2010
Maria Rosaria Belgiovine
 "Una fluidità immutata nel percorso della stesura segnica , che segue il tratto essenziale ed uniforme…" Data: 1995
"Il Quadrato" Milano
 "…l'artista utilizza stralci di spazi, aeree figure e le valorizza con la ricchezza di un colore tenue, evocativo. In tal modo la visione di queste sue interpretazioni va al di là della occasione stilistica che le ha motivate e le colloca in una sfera artistica che sa di accordi e melodie. Non interessa più solo lo stilema quanto piuttosto il modo con il quale questo viene influenzato dalla vibrazione emozionale che i quadri sono in grado di comunicare…" Data: 1995
Franco Donatini
La pittura di Cinzia Coronese,all'apparenza figurativa,nasconde elementi di approfondimento che sono più vicini a una pittura di tipo moderno e fortemente soggettiva. La sua pittura spesso ricca di elementi scultorei,che testimoniano una profonda passione per l'archeologia e il fascino che da essi deriva,tende a divenire più espressiva di uno stato d'animo,rispetto a una riproposizione impressionistica che pure è presente. L'accentuazione degli elementi naturali attraverso pennellate talvolta forti e contorte,non solo evoca l'intensità e la drammaticità dell'immagine,ma tende a esprimere una visione interiore dell'artista profondamente coinvolta e focalizzata su un'indagine approfondita e personale della realtà. La natura che si integra con elementi artistici, diviene essa stessa archeologica,trasposta nello spazio e nel tempo,fino raggiungere una valenza quasi metafisica. Si tratta di una pittura complessa che riesce tuttavia a trasferire emozioni con immediatezza ed efficacia. Data: 2012
Paolo Levi
Una pagina pittorica in chiave surrealista dominata da una pantera che, come una sfinge, sorveglia una città più evocata che descritta. Le variazioni tonali e le velature azzurrate acuiscono il senso di mistero che avvolge la scena. Pubblicato sull'annuario "Protagonisti dell'arte 2014” dal  XIX secolo ad oggi"
Gregorio Andreini
11 Novembre 2015 Una pittura che tocca elementi naturali più o meno complessi. Parti del paesaggio ricche di un vissuto, ma anche composizioni di forte significato culturale ed artistico possono rivelarsi come messaggeri di un qualcosa che toccandoci fin dal profondo, ci porta a riflettere ed indagare la realtà che ci sta di fronte. Tutto ciò che ha accompagnato la sua vita, diventa in Cinzia Coronese una viva fonte d'ispirazione a cui la sua pittura può fare riferimento. Le varie parti si rapportano tra loro, rivelando un vissuto e nello stesso tempo una storia, che legandosi con i fili del tempo, creano un ponte tra passato e modernità. Attraverso l'accuratezza dei colori scelti, ci viene donata un'armonia mista di quiete e tenuità. Importante ciò, visto anche quello che i suoi quadri riescono a comunicare, donandoci emozioni forti di appartenenza e sensazioni vive. Vitalità ma anche immersione in quella particolare atmosfera quasi metafisica, in cui convivono reale e surreale. Una pittura con forti e suggestivi richiami figurativi, ricca di forme e contorni particolari, che è partecipativa ed intensa allo stesso tempo. Il tocco d'arte di Cinzia Coronese lo notiamo nel suo renderci testimoni di quell'integrazione spaziale e temporale che include anche la realtà della materia che ha acquisito a livello compositivo valenze archeologiche ed anche metafisiche, riuscendo a donarci uniche emozioni.
6 - 7 - 8 Novembre 2015 PERSONALE di Cinzia Coronese in EXPO SPOSI  XXV edizione WEDDING SHOW  REAL COLLEGIO 6 - 7 - 8  NOVEMBRE  2015 p.zza del Collegio, LUCCA
21 maggio 2017 "Premio la Sorgente", Guamo, Lucca
Cinzia Coronese vince il 1°premio con l'opera intitolata "La Contesa" Giudizio critico : Cinzia Coronese attraverso una pittura minuziosa, esalta la luce e l'amore poetico per la natura intrisa di storia.
5 VOLTI DEL MITO
Cari amici questa mattina ho incontrato Cinzia Coronese, visitando la sua personale al Chiostro di S.Caterina, dietro S.Frediano a Lucca. Una mostra che vi consiglio di visionare con la dovuta calma: una volta oltrepassata la soglia del Chiostro, è necessario rallentare il passo, fermarsi un attimo, fare un bel  respiro e osservare le opere esposte con attenzione. A lato di ciascun quadro, si trova una poesia  scritta da Stefano Lattari ispirata dal dipinto e un testo scritto da Marco Rocca che necessita di essere letto interamente prima di passare all’osservazione dell’opera. I quadri esposti sono  appena 5, ma non per questo la mostra necessita di poco tempo per essere capita, metabolizzata e compresa nella sua interezza. Le raffigurazioni ispirate a personaggi della mitologia, se pur descrittive, richiedono attenzione, per potervi leggere la totale e complessa caratterialità dell’artista. Prestando attenzione, si può capirne la grande sensibilità e fermezza di carattere che, se pur certa della propria forza, mostra la sua fragilità e il suo bisogno d’amore, esponendosi e nascondendosi  fra forma e colore, in un gioco sinuoso e morbido, che affascina per la sua disarmante chiarezza espressiva. Lorenzo Pacini
Critica di Angela Palese del 24 novembre 2016
Le opere di Cinzia Coronese sono opere preziose, frutto di sapiente tecnica e di tanto cuore.  Sono opere sempre molto ricche da tutti i punti di vista, frutto  di un lavoro lungo e meticoloso, un lavoro di pennello, di anima. Non esiste una sola pennellata casuale o una parte della tela che sia stata trattata con minore attenzione perché ritenuta secondaria. In tutte le opere c’è tanto amore, c’è l’amore per la vita, per la Creazione e anche tanta curiosità, tanta voglia di esplorare attraverso l’arte il mistero della vita, il mistero di un’esistenza in continuo divenire, in continua evoluzione. In tutte le sue tele e in tutte le sue sfumature di colore che ogni volta vengono create, traspare un lavoro di ricerca continuo, supportato da una perizia tecnica notevole. Ogni opera un prezioso cameo nel suo percorso che non vede ripetizioni o stanchezze nel riproporre temi già esplorati, ma opere sempre nuove e comunque sempre coerenti con la sua cifra stilistica.